V–A–C Zattere: Porte Aperte Alla Città

Date:
15 lug–15 dic 2020
Place:
V–A–C Zattere, Venezia

La Fondazione V–A–C, in collaborazione con il Comune di Venezia, è lieta di presentare i progetti scelti nell’ambito dell’iniziativa Porte aperte alla città, un progetto mirato ad ospitare attività culturali e sociali che permettano la riattivazione delle relazioni sociali interrotte dalla pandemia.

Associazione culturale Gyamtsholing (Luogo dell’Oceano) è la sede veneziana della Comunità Dzogchen Internazionale, un’associazione culturale laica ispirata agli insegnamenti di Chögyal Namkhai Norbu, monaco e maestro tibetano. Nell’ambito dell’iniziativa Porte aperte, presenta un libro accompagnato da un seminario di astrologia tibetana.

Il progetto Maker Mile nasce a Venezia per puntare l’attenzione sui mestieri che contribuiscono a definire l’identità della laguna. Il progetto vuole valorizzare le attività artigianali, i saperi e le tecniche proprie di ciascuna di esse, ma anche riattivarle e metterle in costante dialogo con realtà attuali inerenti al design, al branding e alla digitalizzazione. Per Porte aperte si terranno tre conferenze dedicate a varie forme di artigianato locale.

L’Associazione Granello di Senape ha l’obiettivo di favorire la conoscenza della realtà penitenziaria, consolidare il rapporto tra la città ed il carcere attraverso un’informazione corretta e meno stereotipata, coadiuvando il reinserimento sociale delle persone detenute o sottoposte a misure alternative, sostenendo i familiari. L’associazione propone un percorso formativo per svolgere attività di volontariato all’interno del sistema penitenziario.

Live Arts Cultures è un’associazione culturale creata e gestita da artisti. È una casa, un riferimento transnazionale per le arti performative nelle loro declinazioni sperimentali, con particolare attenzione rivolta a danza, musica elettronica, performance art e teatro. Come parte di Porte aperte propone PARASCEVA, la restituzione pubblica dei risultati dell’omonimo workshop per danzatori, attori e performer.

Studio Contemporaneo è un’associazione culturale nata a Venezia con lo scopo di promuovere e diffondere la pratica della performance art a livello locale, nazionale ed internazionale. È promotrice del progetto “Venice International Performance Art Week”, ideata e curata dal duo di artisti VestAndPage. Insieme a Live Arts Cultures durante Porte aperte propone la proiezione del film ANAM CARA — “Mirror in the Mirror”, un art film performance-based prodotto in isolamento durante il lockdown.

Rete Cinema in Laguna è un collettivo, nato durante il periodo di confinamento, composto da associazioni, case di produzione e professionisti che lavorano a Venezia nel settore audiovisivo, con lo scopo di creare un coordinamento tra le diverse realtà indipendenti che si occupano di cinema in città. Nell’ambito di Porte aperte presenta la rassegna cinematografica “Rebels from the East/West”.

L’Istituto Veneto per i Beni Culturali è un’associazione culturale che si occupa di ricerca e di formazione, a livello sia nazionale sia internazionale, nel settore della salvaguardia dei beni ambientali, storici, artistici. Impegnato direttamente nella formazione di tecnici del restauro di beni culturali, nell’ambito di Porte aperte organizza corsi di formazione gratuiti per restauratori.

SWOT Strengths Weaknesses Opportunities Threats di Studio Saor è un programma che nasce dall’unione di associazioni, enti e professionisti veneziani, volta a discutere le conseguenze post Covid-19 a Venezia. Nell’ambito di Porte aperte, vengono organizzati incontri per raccogliere dati riguardo alle problematiche sociali, economiche ed ecologiche post-pandemiche.

La Lanterna di Ohana è un’associazione che organizza servizi e attività educative rivolte a bambini, ragazzi e famiglie, che nell’ambito dell’iniziativa propone attività di doposcuola.

Biennale Urbana è un’ipotesi di ricerca e azione che si sviluppa sul territorio lagunare a partire dal tentativo di abitare la distanza tra l’istituzione Biennale e il territorio che la ospita. BUrb trova ispirazione da Documenta Urbana per rafforzare il rapporto tra sperimentazione artistica ed architettonica, esplorando pratiche estetiche in relazione a questioni urbane e ambientali. Negli spazi della Fondazione durante Porte aperte organizza tre laboratori legati al progetto in corso “How will we live together if you are no longer here?”

Accademia Europea di Euritmia Venezia — EUVE nasce nel 2014 dall’esigenza di creare un centro di formazione professionale nel campo del movimento e in particolare dell’Euritmia. Il progetto che si svolgerà negli spazi di V–A–C consiste in un evento che prevede una performance di danza, recitazione e musica.

Closer è un’associazione culturale nata a Venezia nel 2016 per promuovere attività culturali in ambienti complessi o problematici, con particolare attenzione all’ambito carcerario. Closer si impegna ad intervenire, attraverso l’organizzazione di progetti ed eventi, ad includere chi è sempre stato escluso. Durante Porte aperte svolgerà due eventi letterari.

In aggiunta, la Fondazione V–A–C ha curato una rassegna cinematografica dal titolo V–A–Cinema che indagherà i modi in cui registi ed artisti italiani si relazionano a diversi tipi di rigidità, mettendo in discussione la nostra nozione di normalità.