Expanding Space. Fuori dal centro

Il programma Expanding Space è lo sviluppo, su larga scala, di un precedente, omonimo progetto della fondazione V-A-C . Nel 2015-2016, giovani artisti sono stati chiamati a studiare la possibilità’ di portare i propri lavori nell’ ambiente urbano intervenendo sulle impalcature, sulla marcatura stradale e nelle vetrine della metropolitana.

Nel 2019, il progetto V-A-C porta gli artisti fuori del centro geografico di Mosca: nei centri di cultura distrettuali, nei circoli ricreativi, nelle biblioteche, nei cinema e nei mercati per entrare in contatto con le comunità locali e creare insieme nuovi progetti culturali.

L'obiettivo principale di Expanding Space è quello di mettere in discussione l'idea contemporanea che l'arte debba esistere entro confine rigorosamente definiti e che solo I professionisti possano praticarla in musei e gallerie. In ciascuno dei sette programmi pittori, compositori, registi e artisti sviluppano un’attiva collaborazione con i residenti dei vari distretti di Mosca per diversi mesi.

Il sito del progetto (in russo)

Non-Extractive
Architecture

Piattaforma

Una mostra, una residenza di ricerca e un ciclo di conferenze curate da Joseph Grima e Space Caviar

V–A–C Zattere, Venezia

Marzo 2021 – Gennaio 2022

Non-Extractive Architecture trasformerà il Palazzo delle Zattere in una piattaforma di ricerca dal vivo dedicata alla rielaborazione dell’equilibrio fra l’ambiente costruito e quello naturale, al ripensamento del ruolo della tecnologia e della politica nelle economie materiali del futuro, e a una nuova visione della responsabilità dell’architetto, considerato un agente del cambiamento.

Space Caviar, Non-Extractive Architecture

Il progetto si pone l’obiettivo di esaminare – e ridefinire – le aspettative del pubblico circa l’architetto e le aspettative degli architetti circa il proprio ruolo. Cosa succederebbe se l’architettura fosse innanzitutto vista come una forma di amministrazione dell’ambiente costruito e di quello naturale? Cosa succederebbe se modificassimo le nostre economie per agevolare l’integrazione, la circolarità, la durabilità e la resilienza sociale attraverso le città, piccole o grandi, che costruiamo? Cosa succederebbe se le filiere dei materiali su cui si fondano gli ambienti in cui viviamo fossero visibili e all’insegna della partecipazione, anziché invisibili e spesso basate sullo sfruttamento? Non-Extractive Architecture coinvolgerà persone interne ed esterne al campo dell’architettura per creare una piattaforma aperta in cui discutere dell’attuale ruolo dell’architettura, e in cui definire nuove strade per sfruttare il potenziale di questa disciplina come una forza positiva in grado di modellare il futuro del paesaggio.

Comunicato Stampa IT [.pdf]

Space Caviar è uno studio di architettura e ricerca che si occupa dei punti di contatto tra design, tecnologia, politica e ambito pubblico. Fondato nel 2013 da Joseph Grima e Tamar Shafrir, lo studio sfrutta progetti, mostre, pubblicazioni, saggi e video per indagare e documentare le modalità abitative contemporanee e la spazializzazione della pratica sociale e politica.

Non-Extractive Architecture. Space Caviar, V-A-C Zattere / Photo: Marco Cappelletti

Tra le sedi che hanno esposto i lavori di Space Caviar ricordiamo la Biennale di architettura di Venezia, il Victoria and Albert Museum, la Biennale Interieur, il Vitra Design Museum e la Nilufar Gallery.

Joseph Grima / Photo: Boudewijn Bollmann
Eventi

Il programma pubblico riunisce designer, scienziati dei materiali, economisti e teorici affinché lavorino sulle tematiche affrontate da Non-Extractive Architecture. Lo scopo è attivare il Palazzo, la piattaforma online e lo spazio dedicato ai workshop grazie a una stazione radiofonica e a un progetto editoriale.

XYZ CARGO BROADCASTING STATION by N55/ Ion Sørvin and Till Wolfer / Photo: Marco Cappelletti
XYZ CARGO MOBILE LIBRARY by N55/ Ion Sørvin and Till Wolfer / Photo: Marco Cappelletti
XYZ CARGO MOBILE LIBRARY by N55/ Ion Sørvin and Till Wolfer With Non-Extractive Architecture: On Designing without Depletion Vol.1, Space Caviar
XYZ CARGO MOBILE LIBRARY by N55/ Ion Sørvin and Till Wolfer / Photo: Marco Cappelletti
XYZ CARGO PUBLISHING STATION by N55/ Ion Sørvin and Till Wolfer / Photo: Marco Cappelletti
Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Non-Extractive Architecture qui

Non-Extractive Architecture: On Designing without Depletion. Space Caviar, V-A-C Zattere / Photo: Marco Cappelletti
Blog

Sul blog vengono condivisi gli eventi, le ricerche, le conversazioni e le attività in corso previste dal programma di residenza organizzato presso V–A–C Zattere. Seguitelo per essere aggiornati sui dieci partecipanti alla residenza e sull’evoluzione e la crescita della mostra, che durerà un anno.

@ Luke Jones
@ Luke Jones
Traduzione Nel Formato Espositivo

Il software sviluppato da F451 (Domitille Debret e Quentin Creuzet) — Exhibition Format Editor— automatizza la traduzione nel formato espositivo della ricerca condotta presso il Palazzo delle Zattere, costruendo al contempo un vocabolario incentrato sul concetto di architettura non estrattiva. Il software organizzerà e trasformerà visivamente i contenuti sviluppati dal team di ricerca, che poi verranno stampati e affissi sulle pareti di V–A–C Zattere nel corso del progetto.

Exhibition Format Editor

@ Luke Jones
Archivio

Un archivio online raccoglierà le ricerche che si svilupperanno man mano nell’ambito di Non-Extractive Architecture: Progettare senza estinguere. Mentre i contenuti della ricerca coprono le pareti del Palazzo delle Zattere, in parallelo verrà sviluppato un archivio online di questa stessa produzione. Vi invitiamo a unirvi a noi nella definizione di un’architettura non estrattiva fornendo contributi per questo archivio in divenire, composto da rimandi, casi di studio, materiali e paesaggi. La mostra sarà scaricabile, stampata e ampiamente fruibile.

Charlotte Malterre-Barthes, Scales of Extraction, after Morphosis, 2-4-6-8 House Parts drawing. Non-Extractive Architecture: On Designing without Depletion Vol.1, Space Caviar
Libro

Non-Extractive Architecture: Progettare senza estinguere Vol.1

Non-Extractive Architecture: On Designing without Depletion Vol.1 Edited by Space Caviar Published by V-A-C and Sternberg Press

Questo manuale illustrato si prefigge di trovare un nuovo approccio all’architettura basato sulla riflessione a lungo termine, sulle risorse materiali e sui paesaggi che ne possono derivare, e sull’integrazione dei valori delle comunità nell’industria edile. Grazie a una serie di saggi scritti da architetti, geografi, storici, economisti, urbanisti e filosofi, Non-Extractive Architecture: Progettare senza estinguere Vol.1 si chiede se per il design sia possibile seguire un paradigma alternativo, e su quali valori potrebbe fondarsi.

A cura di Space Caviar, con un’introduzione di Joseph Grima e contributi di Dele Adeyemo, Benjamin Bratton, Stephanie Carlisle, Emanuele Coccia, Keller Easterling, Swarnabh Ghosh, Macarena Gómez-Barris, Phineas Harper, Elsa Hoover, Jane Hutton, Interiors Agency, Elisa Iturbe, Luke Jones, Chiara Di Leone, Armin Linke, Charlotte Malterre-Barthes, Nicholas Pevzner, Maria Smith e Mark Wigley.

Pubblicato da V–A–C e Sternberg Press. 2021

Puoi comprare il libro qui

Comunicato Stampa Non-Extractive Architecture: On Designing without Depletion Vol.1 ENG [.pdf]

2009 – 2021 (c) V–A–C